Il 28 febbraio e 1 marzo 2014 a Roma, all’interno della manifestazione Fetish Pride Italy, si terrà per la prima volta in Italia, una conferenza dedicata specificatamente al mondo del BDSM (Bondage, Disciplina, Dominazione, Sottomissione, Sadismo, Masochismo) e delle sessualità alternative. La Rome BDSM Conference vede riuniti insieme una serie di relatori  provenienti da Italia, Germania, Olanda, Francia, Inghilterra, Australia, Stati Uniti, Canada, ognuno pronto a condividere le proprie esperienze e conoscenze con appassionati del genere da tutta Europa. Si tratta quindi di un evento di calibro internazionale che pone come riferimento per questo mondo.

wordtagLe pratiche di cui si parlerà sono le più varie e si va da quelle più “soft” come il solletico a quelle più intense come il branding, passando per l’ipnosi, i clisteri, la sicurezza, il whipping e tanto altro ancora. Chi è incuriosito da questo mondo e vuole vedere e sperimentare in un ambiente rilassato e piacevole, non può perdersi questo appuntamento.

L'inerno della Soap Factory, sede della Rome BDSM Conference
L’inerno della Soap Factory, sede della Rome BDSM Conference

Il tutto si terrà presso la Bubble Loft in via degli Argonauti 16 a Roma, in un fantastico loft che verrà trasformato per l’occasione in una serie dii aule, che ospiteranno decine e decine di appassionati provenienti da tutta Europa.

Stefano Laforgia, titolare del negozio fetish Alcova di Roma e promotore di AKA Alcova Kink Academy, spiega così la nascita di un evento del genere

Fin dall’apertura di Alcova, mi sonno sempre adoperato per l’educazione in ambito BDSM e il progetto AKA Alcova Kink Academy è stata solo l’ultima fase di questo impegno, in quanto si fonda sulla condivisione delle conoscenze. Il punto è che queste pratiche incuriosiscono o appassionano tante persone che però non sanno “da dove cominciare” per imparare. Infatti spesso le cose si imparano con anni di pratica e di sperimentazione fatta privatamente. Questo bagaglio di informazioni, conoscenze ed esperienza spesso rimane isolato e si continua a reinventare la ruota. AKA ha proprio lo scopo di creare degli incontri periodici in cui invece questo patrimonio di conoscenza e, perchè no? anche di cultura, non solo non vada perduto, ma venga condiviso e possa diventare il fondamento da cui altre persone possono partire per l’esplorazione della propria sessualità La Rome BDSM Conference è la punta di diamante di quest filosofia: una serie di 40 workshop tenuti da esperti provenienti da tutto il mondo è qualcosa che in Italia non si è mai visto prima e, forse, nemmeno in Europa. Tra i relatori ci sono esponenti della comunità gay-leather americana, Mistess professioniste (chi meglio di chi fa qualcosa per lavoro tutti i giorni può insegnare i segreti di questa o quella pratica?) ed esperti con esperienza decennale.

AKA2

Con un numero così alto di workshop, il programma non può che essere molto intenso, ma il consiglio è davvero quello di partecipare anche solo per ampliare le possibilità di gioco con il proprio partner. D’altronde, ormai queste pratiche non sono più considerate delle perversioni, ma anzi sono un arricchimento dell’intesa di coppia se non un vero e proprio stile di vita. A fine febbraio quindi si ritorna a scuola ma, promettono, gli studenti indisciplinati non verranno sculacciati.
Potrebbe piacergli troppo.

Per informazioni sull’evento, per leggere l’elenco dei workshop e le biografie dei relatori visitate il sito http://www.fetishpride.it/it/category/workshop/

I biglietti possono essere acquistati a questo indirizzo http://www.alcova.biz/blog/rome-bdsm-conference-2014/