Virtual Munch

Il Virtual Munch ha visto la luce durante il periodo di lockdown della scorsa primavera come modo per continuare a restare in contatto con un appuntamento settimanale di socializzazione. I munch sono incontri informali tra appassionati del mondo BDSM e della sessualità alternativa che vogliono chiacchierare, passare del tempo insieme conoscendosi, facendo amicizia e parlando ANCHE di BDSM. Perchè il BDSM è importante, ma è bello scoprire anche tante altre cose che ci uniscono.

Ogni mercoledì sera, quindi, a partire dalle 21, conviene collegarsi su Zoom per partecipare gratuitamente alle piacevoli chiacchierate che spesso vanno ben oltre la mezzanotte. Non è obbligatorio (anche se è gradito) l’uso della webcam, ma in qualche modo è necessario poter partecipare alle discussioni. Non sono infatti ammessi infatti profili totalmente silenti, che abbiano webcam e microfono staccati e non partecipino nemmeno attraverso la chat della stanza.

La nascita dei munch in Italia

I munch all’inizio degli anni 2000 si chiamavano in altri modi, ma erano già in grado di radunare piccoli gruppi di appassionati. L’avvento dei social ha reso questo fenomeno ancora più grande e diffuso ed oggi è facile trovare un munch in tantissime città, dal nord al sud. Il munch romano è stato il primo a svolgersi settimanalmente e dal 2006 ha radunato intorno a sè centinaia di praticanti di ogni grado di esperienza.

Il munch virtuale è nato all’interno del gruppo BDSM Italia sul sito di Fetlife (un social network dedicato al BDSM) al grido di “Uniti anche quando siamo distanti“. L’obiettivo era di estendere a persone da ogni parte d’Italia, la possibilità di conoscersi e chiacchierare “guardandosi” in viso. Inoltre ogni settimana viene proposto un tema iniziale di discussione su cui confrontarsi o su cui i più esperti possono condividere la loro esperienza con i neofiti.

Il munch virtuale incontra e dialoga con quello reale

A combinare i due eventi, il munch reale e il virtual munch ci ha pensato AKA, la storica associazione di Roma con sede in via dei Caudini 1/c, e così ogni mercoledì sera, l’appuntamento per chi vuole vedersi dal vivo inizia alle 20.00, mentre per chi è online, la stanza di Zoom apre le sue porte a partire dalle 21.00. Oltretutto, all’interno di AKA ci sono più postazioni per poter partecipare alle discussioni online. Un ulteriore modo per unire il reale e il virtuale!

Tutte le informazioni e i dettagli aggiornati sui vari eventi settimana per settimana sono disponibili sui vari social di AKA e di BDSM Italia: