Flagging e hanky code: capire quale fetish ti piace con un colpo d’occhio

0
477

HankyCodeAlle origini del BDSM, quando ancora non si chiamava BDSM e quando non esistevano profili online in cui poter inserire l’elenco dei propri fetish, il modo più diffuso per far capire al primo colpo d’occhio quale fosse la pratica a cui eravamo interessati era il cosiddetto “flagging“, ovvero l’uso di determinati segnali visivi. Tra questi sistemi ve ne sono due che hanno riscosso particolare successo: l’uso delle chiavi e quello degli hankies, ovvero le bandane colorate. L’uso delle chiavi portate alla cintura, pur essendo molto pratico e poco invasivo, ha però dimostrato ben presto i suoi limiti in quanto permetteva di identificare solo se una persona era un Top/Dom (le chiavi erano fissate al passante della cintura sul fianco sinistro) o bottom/sub (chiavi sul fianco destro), ma non riusciva a dare informazioni sulle pratiche preferite o a cui era interessata quella persona.
Quindi concentrerò la mia analisi sull’uso degli hankies, sulla loro storia e significato.

Un po’ di storia sul flagging

L’uso delle bandane era molto diffuso negli anni ’70 come codice negli ambienti gay ed oggigiorno è diffuso anche tra persone bisessuali, pansessuali e queer di tutto il mondo, ma già da prima era abitudine, all’interno della Comunità Leather, portare le chiavi legate al passante della cintura a destra o sinistra per indicare che si era generalmente un Top o un bottom. Questo sistema di codici si diffuse all’interno dei cruising bar, ovvero i bar “da rimorchio” tipici della scena gay, in cui spesso i convenevoli e il flirting erano ridotti all’osso se non del tutto inesistenti. Inoltre, a quei tempi, dichiararsi apertamente omosessuali o avere apertamente approcci con altri uomini era sempre un rischio (non di rado la polizia faceva raid nei locali gay senza andare troppo per il sottile… ricordate per caso l’episodio della rivolta di Stonewall?) e quindi, quanto più discretamente si riusciva a gestire la fase iniziale dell’approccio, tanto meglio era per tutti.  L’Hanky Code permetteva di trovare più facilmente, direi quasi “a botta sicura” il compagno di avventure per quella sera. Vedremo poi più avanti, come il flaggare sia diventato non solo un meccanismo per facilitare gli approcci, ma un vero e proprio motivo di orgoglio e di identità. Attualmente le bandane sono portate prevalentemente nella tasca posteriore dei jeans o legate ad un passante della cintura, a sinistra per i top e a destra per i bottom. In passato le bandane erano indossate attorno al collo con il nodo posizionato a sinistra o a destra, oppure attorno alla caviglia quando si indossavano gli stivali.

Non vi è un codice universalmente riconosciuto per quanto riguarda i colori usati per il flagging e ci possono essere differenze nelle comunità da località in località.  C’è sicuramente un accordo generale per quanto riguarda i colori di uso più comune, specialmente quelli con una relazione più intuitiva tra il colore e la pratica in sè. Per esempio il giallo per il pissing (urolagnia), il marrone per lo scat (coprofilia), il nero per il sadomaso.
Il portare bandane di vari colori attorno al collo era una pratica comune tra la metà e la fine dell’800 tra i cowboys, i macchinisti e gli ingegneri delle ferrovie a vapore ed i minatori nella zona occidentale degli Stati Uniti, in quello che oggi noi chiamiamo il Far West.

Si dice che l’uso delle bandane da parte dei gay sia iniziato a San Francisco dopo la Corsa all’Oro. A quel tempo, a causa della scarsità di donne, gli uomini si ritrovavano nei saloon a ballare tra loro la quadriglia e gli altri balli tradizionali e pertanto finirono con il creare un semplice codice in cui gli uomini che indossavano le bandane blu avevano il ruolo maschile e quelli che indossavano le bandane rosse quello femminile. Le bandane venivano portate di solito attorno al braccio, appese alla cintura o nella tasca posteriore dei jeans.

Un’altra teoria sostiene che il flagging/hanky code (il codice delle bandane) come lo conosciamo noi oggi sia iniziato nella città di New York all’inizio degli anni ’70. Un giornalista del Village Voice fece una battuta dicendo che invece di usare le chiavi per indicare se una persona fosse un Top o un bottom come si faceva comunemente fino ad allora, sarebbe stato molto più utile usare bandane di colori differenti per identificare anche il tipo di pratica a cui si era interessati.

Come già detto, l’uso delle bandane per il flagging era molto diffuso negli anni ’70 e agli inizi degli anni ’80, ma andò in declino per varie ragioni (la maggior visibilità dei gay che resero obsoleto un codice quasi iniziatico, il declino del cruising -la pratica di andare in giro per bar e locali alla ricerca di un partner estemporaneo- dovuta all’avvento dell’AIDS, etc). Per indicare che si stava effettivamente “flaggando” e non utilizzando la bandana un semplice accessorio di abbigliamento, divenne popolare il “double-flagging“, ovvero indossare due bandane per indicare una particolare preferenza.

Il flagging ai giorni nostri

Pubblicità

Dagli anni ’90 il flagging è rimasto in voga prevalentemente nella Comunità Leather indipendentemente se gay, bisessuale, lesbica, etero o pansessuale. Non è cosa rara vedere membri di queste Comunità portare uno o più hanky nelle tasche posteriori dei jeans.

In anni più recenti, la massificazione del BDSM ed il conseguente immissione in gran numero di curiosi che ne hanno abbassato il livello qualitativo medio, ha portato sempre più persone a “riscoprire” la cultura Leather, i suoi valori ed anche i suoi codici, compreso il flagging/Hanky Code.

Il flagging per Femme

Sono state proprio le Comunità al di fuori della scena gay a discutere maggiormente negli ultimi anni riguardo l’uso degli hankies. Infatti, se per un uomo, gay o no, è abbastanza facile portare una bandana nella tasca posteriore dei jeans o legata al passante della cintura, non così semplice è farlo per una donna, soprattutto se con uno spiccato senso della femminilità (Femme), che indossi una gonna per di più senza passanti. Che fare allora? Le comunità Femme di tutto il mondo si sono prodigate nel presentare una serie di alternative.

hankyflower
Hanky Flower

Una soluzione per il flagging al femminile è portare la bandana legata sulla testa come se fosse una fascia per capelli o legata attorno al collo. Ancora una volta, il lato su cui si trova il nodo indicherà se si è Top o bottom. Se lo si tiene al centro vuol dire che ci si considera switch.

Un’altra alternativa per il flagging femminile è quella degli Hanky Flowers, ovvero fiori ornamentali da portare sui capelli, realizzati con una bandana del colore che indica il nostro fetish preferito. Su internet ci sono sia negozi online specializzati in queste creazioni artigianali, sia video su Youtube che spiegano come realizzarli senza grandi difficoltà e con un pizzico di manualità.

Finger Flagging
Finger Flagging

C’è poi il Finger Flagging, ovvero flaggare usando lo smalto per unghie. Si può scegliere uno smalto del colore della bandana che si vuole flaggare e dipingere di quel colore tutte le dita della mano destra o sinistra, a seconda che si sia bottom o Top o entrambe nel caso si sia switch. Si può anche flaggare dipingendo del colore desiderato soltanto l’unghia dell’anulare destro o sinistro.

Ma le modalità di esprimere il flagging per le Femme sono anche altre: si può creare una sorta di cintura fatta con bandane dello stesso colore e portarla legata in vita, legare la bandana al polso, caviglia, borsa (ma bisogna ricordarsi poi di portare la borsa stessa dal lato appropriato per evitare di flaggare al contrario) e così via…

Le ragioni di una scelta

Joseph W. Bean nel suo libro “Leathersex: A Guide for the Curious Outsider and the Serious Player” dice questo riguardo il simbolismo ed il flagging “Prendete tutte queste cose come punti da valutare e discutere. Non scambiateli erroneamente per requisiti assoluti. Immaginate che un ragazzo porti una bandana rossa nella sua tasca sinistra e voi non siate interessati ad essere fistati o non siete ancora pronti per farlo. Immaginate che sia un gran figo: infatti, ad eccezione di quella bandana rossa, è proprio l’uomo che fa per voi. Due cose diventano immediatamente importanti: Uno, non potete proprio approcciarlo perchè ha una pratica nel suo repertorio sessuale che non combacia con i vostri interessi; due, affrontare questo punto diventa essenziale prima di iniziare una sessione con quest’uomo. Ci sono buone probabilità che lui accetti i vostri limiti riguardo al fisting, ma lui ha scelto di indossare la sua bandana e ha tutti i diritti di aspettarsi che se non parlate con lui di questo specifico argomento, condividiate lo stesso interesse.”

Con questo passaggio Joseph W. Bean fondamentalmente ci fa capire che la ragione più semplice per fare flagging ed segnalare un colore, è di favorire l’inizio di una conversazione in cui i reciproci interessi vengono discussi e/o negoziati prima che una scena cominci. La bandana funziona da rompighiaccio e non dovrebbe essere considerata affatto un qualcosa per forzare la mano o obbligare qualcuno a fare qualcosa di non voluto.

Un altro passaggio molto importante, che sottolinea l’importanza che una semplice bandana può avere per la persona che la indossa è presente nell’arcinoto libro “Urban Aboriginals, A Celebration of Leathersexuality” di Geoff Mains, in cui scrive “I Leathermen scelgono i loro simboli come dichiarazioni dei propri mythos (nota mia: mythos inteso come messaggio “codificato”).
Una bandana gialla, ad esempio, non è solo un segno di un uomo che si eccita con la pipì. E’ un’affermazione di una scoperta e un’orgoglio contenuto in quella scoperta. E’ un qualcosa che parla di gioia trovata in un comportamento proibito. Un comportamento che è molto animale, ba ciò nonostante umano e reale. Leathermen portano le bandane per ciò che esse significano e spesso nei posti più pubblici. Le indossano come decorazioni militari. Sono affermazioni del loro rituale condiviso e apoteosi”.

Quello che Geoff ci dice qui è che questi erano onori che andavano guadagnati. Ogni colore è una bandiera da conquistare di chi quella persona è e di cosa hanno raggiunto insieme ai propri compagni, i propri mentori e specialmente il loro Dominante attraverso esperienze condivise ed una elevazione personale. Queste semplici strisce di tessuto rappresentano un obiettivo personale per cercare un sè più elevato.

Il flagging quindi non è soltanto un modo banale per “saltare i convenevoli” e andare dritto al sodo. E’ prima di tutto una presa di coscienza di sè, un farsi carico di portare un simbolo e, con esso, tutto il carico di significati e storia che si porta dietro.

A me piace il flagging, perchè è un modo di ricordare a me stesso in ogni momento che quella è una parte di me di cui sono orgoglioso e che non ho paura di nascondere. E’ un motivazione legata all’orgoglio di una scelta, non certo all’esibizionismo di sbandierare al mondo le mie preferenze, anche perchè, trattandosi di un “codice”, non dice nulla a chi non lo conosce. Porto spesso una o più bandane (rigorosamente a sinistra, nel mio caso) o le chiavi di un collare (se ho una relazione che lo prevede) attaccate alla cintura. E mi piace molto trovare quegli stessi simboli occasionalmente (devo dire più all’estero che in Italia) all’interno della comunità BDSM etero (all’interno di quella gay è decisamente più facile), perchè mi fa capire che ho di fronte una persona che ha scelto di vivere secondo principi simili ai miei, che si è documentata, ha letto e studiato le radici e la storia di un simbolo e che non vive il BDSM in maniera soltanto “istintiva”.

Portare un simbolo è una responsabilità. Si finisce per essere di esempio per altri e si deve essere preparati e pronti a questo onere.

=========================================================================

Flagging

FLAGGING – COLORE DELLA BANDANA FLAGGING – PORTATO A SINISTRA FLAGGING – PORTATO A DESTRA
BIANCO masturbami masturbo entrambi
VELLUTO BIANCO voyeur will put on a show
BIANCO CON PALLINI MULTICOLORI organizzo un’orgia in cerca di un’orgia
CREMA fetish per lo sperma (il mio) fetish per lo sperma (il tuo)
NERO/BIANCO A SCACCHI top che fa sesso sicuro bottom che fa sesso sicuro
NERO/BIANCO A STRISCE baciare baciare
NERO top sadomaso bottom sadomaso
  VELLUTO NERO possiede/fa video si esibisce in video
  ANTRACITE latex fetish latex fetish
GRIGIO SCURO bondage top bondage bottom
GRIGIO CHIARO stone (restio ai contatti fisici in genere) – Ti scopo io stone (restio ai contatti fisici in genere) – scopami e basta
LAME’ ARGENTO celebrità/titolato fa sesso con star
VERDE OLIVA militare “servizio” civile
  VERDE MILITARE cerca “orfani” cerca un “daddy”
——— VERDE MILITARE CON STRISCE VERDINO fa il papi cerca un “papi”
VERDINO prostituto/a cliente
VERDE MENTA cerca un “orfano” cerca una “mamma”
VERDE CHIARO dice parolacce dice parolacce
LIME dines off tricks (wants food) dinner plate (will buy dinner)
ACQUA watersex watersex
VERDE-AZZURRO tortura i genitali si fa torturare i genitali
BLU CARTA DA ZUCCHERO 69 69
AZZURRO vuole dare sesso orale vuole ricevere sesso orale
——— AZZURRO CON STRISCE ROSA CHIARO succhia il dildo succhia il mio dildo
BLU NAVY fa sesso / TOP fa sesso/ BOTTOM
  VELLUTO BLU NAVY guarda chi si masturba si masturba davanti a qualcuno
VIOLA fa piercing si fa fare piercing
LAVANDA crossdresser / dragster ama i crossdresser / drag
MALVA adora il mio ombelico ha un fetish per gli ombelichi
FUCHSIA spanker ama ricevere lo spanking
MAGENTA lecca le mie ascelle ama le ascelle
BORDEAUX ama tagliare ama sanguinare
ROSSO SCURO ama il fisting a due mani ama essere fistato con due mani
ROSSO ama il fisting ama essere fistato
——— ROSSO CON STRISCE BIANCHE ama radere ama essere rasato
CROCE ROSSA positivo all’HIV positivo all’HIV
ROSA SCURO ama torturare i capezzoli ama ricevere torture ai capezzoli
PULCE ama lasciare lividi ama avere lividi
ROSA CHIARO ama maneggiare i dildo ama essere penetrato da dildo
GIALLO CHIARO ama sputare ama essere sputato addosso
GIALLO ACCESO ama fare pissing ama ricevere pissing / bere urina
MOSTARDA molto dotato ama le persone molto dotate
ORO coppia in cerca di un terzo singolo in cerca di coppia
ORO LAME’ ama i muscoli ama i muscoli
ARANCIONE va bene qualunque cosa – TOP va bene qualunque cosa – BOTTOM
CORALLO leccami le dita dei piedi ama leccare le dita dei piedi
RUGGINE cowboy cavallo del cowboy
BEIGE ama leccare l’ano ama farsi leccare l’ano
MARRONE CHIARO ama giochi con i sigari – Clinton ama i giochi con i sigari– Lewinsky
MARRONE Ama fare scat – TOP Ama fare scat – BOTTOM
FLANELLA GRIGIA ha un abito elegante ama gli abiti eleganti
TESSUTO A QUADRETTI BLU/BIANCO ama il milking – TOP ama il milking – BOTTOM
FLANELLA VIOLA trans uomo trans uomo
TESSUTO A QUADRETTI VIOLA trans donna trans donna
PAILLETTES VIOLA genderqueer genderqueer
ROSA CHIARO CON BRILLANTINI Unicorno Fantastica sugli unicorni
TESSUTO A QUADRETTI ROSSO/BIANCO parks parks
LEOPARDATO ha tatuaggi ama i tatuaggi
PIE’ DI POLLO morde ama essere morso
MOTIVO A LOSANGHE geek ama i geeks
TARTAN ama restare completamente vestito ama restare completamente nudo
MOTIVO A FIORI romantico – ama flirtare romantico – flirta con me
TINTURA A NODI hippie cerca hippies
MACCHIE DI VINO ubriaco ubriaco
VELLUTO A COSTE MARRONE preside studente
TWEED professore amante degli studenti amante dei professori
PELLICCIA zoofilia zoofilia
CALICO arrivato da poco in città amante dei turisti
COPERTA in cerca di un massaggio massaggiatore
RETE PER INSETTI amante dei rapporti all’aperto amante dei rapporti all’aperto
CENTRINO tea party dom (vuole essere servito tea party sub (vuole servire)
ORSACCHIOTTO fa le coccole vuole essere coccolato
MY LITTLE PONY cavalca i pony pony
CARTA IGIENICA ama i bagni pubblici (vuole essere servito) ama i bagni pubblici (vuole servire)
BUSTA DI PLASTICA likes trashbaggery likes trashbaggery
TAMPONE VAGINALE ha le mestruazioni ama il sangue mestruale
LIMONE ama fare clisteri vuole ricevere clisteri
SEDANO si aspetta la colazione prevede di preparare la colazione
SPAZZOLINO il mio amante è fuori, si può andare da me si può andare solo a casa tua
FAZZOLETTINO DI CARTA CON N. DI TELEFONO ama scambiare sms a contenuto esplicito ama scambiare sms a contenuto esplicito
CAVETTO USB ne parlerà poi sul suo blog puoi parlare di me (ti presto il laptop)
CORDA ama sospendere vuole essere sospeso
NASTRO PER ama dare scosse elettriche ama le scosse elettriche

 

Riferimenti sul flagging:

http://backinthegays.com/history-of-the-hanky-code-hanky-code-101/

http://nladallas.org/?p=155